Wojtyla: il questore Tagliente esprime soddisfazione

ROMA 01 Maggio 2011 – “Equilibrio del personale su strada e determinazione nel contenimento dei fedeli determinati a raggiungere comunque il luogo simbolo di Piazza San Pietro, insieme alla disponibilità di risorse assicurata dai vertici del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, in attuazione delle direttive del Capo della Polizia Prefetto Antonio Manganelli,  hanno rappresentato il valore aggiunto che ha consentito di gestire oltre un milione e mezzo di pellegrini che oggi hanno affollato i luoghi interessati dalla Cerimonia di Beatificazione di Giovanni Paolo II”.

Lo ha dichiarato il Questore di Roma Francesco Tagliente a conclusione delle celebrazioni per la Beatificazione di Giovanni Paolo II. Gli oltre 73  funzionari della Questura di Roma chiamati a coordinare i contingenti delle Forze dell’Ordine impegnati su strada, insieme con i volontari e gli altri enti coinvolti nella gestione dell’evento, si sono dovuti confrontare dalle prime ore della notte scorsa con migliaia di persone che si sono ritrovate nei pressi di Piazza San Pietro, dove sono rimaste anche improvvisando giacigli estemporanei fino alle prime ore dell’alba, in alcuni casi ostacolando l’afflusso di ulteriori fedeli. I varchi di accesso dell’area riservata e dell’area di rispetto sono stati aperti intorno alle ore 02.00 di questa notte,  consentendo l’ingresso dei pellegrini fino ai varchi dell’area di massima sicurezza, a cui è stato consentito poi l’accesso a partire dalle ore 05.30 come pianificato.

L’arrivo di oltre un milione e mezzo di fedeli ha indotto una rimodulazione dei servizi che ha consentito di contenere le pressioni registrate in alcuni momenti all’interno delle aree di sicurezza, quando alcuni gruppi di pellegrini, determinati a raggiungere comunque Piazza San Pietro,  hanno tentato di superare i 24 varchi presidiati dalla forza pubblica. Intorno alle ore 09.20 di questa mattina tutte le Delegazioni estere e le Autorità nazionali, avevano già raggiunto l’area di massima sicurezza in Piazza San Pietro scortate da personale delle forze dell’ordine secondo il piano predisposto dal Centro di Coordinamento Interforze attivato presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza.

Grazie al coordinamento operativo assicurato dal “Centro per la gestione della sicurezza dell’Evento” è stato possibile garantire l’intervento del personale dei diversi enti chiamati a concorrere alla fase della gestione dei servizi. Tra il pomeriggio e la serata di ieri tutte le aree interessate dai diversi momenti legati alla Beatificazione sono state oggetto di attente bonifiche effettuate dalle forze dell’ordine con il supporto delle unità cinofile antisabotaggio. Significativo è stato anche l’impegno della Polizia Ferroviaria e della Polizia di Frontiera Aerea per la gestione dei flussi di pellegrini che sono arrivati nella Capitale dalle varie parti d’Italia ed estere.

Tutte le operazioni di afflusso nella Capitale, in particolare presso lo scalo ferroviario di Termini, si sono svolte senza alcuna criticità. Oltre all’area di San Pietro si è registrata un’imponente presenza di persone anche nelle 14 piazze e presso le Basiliche dove sono stati allestiti 14 maxischermi per consentire ai pellegrini di assistere all’evento.

A conclusione delle celebrazioni il dispositivo di sicurezza e l’impiego delle risorse sono stati rimodulati per assicurare le fasi della gestione del deflusso che si presentano complesse almeno quanto quelle di afflusso.

 

Posted by on 1 maggio 2011. Filed under Magazine, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento