Fiamme Gialle: la visita del Gen. C.A. Saverio Capolupo al comando di Messina

MESSINA 07 Maggio 2011 – Il Generale di Corpo d’Armata Saverio Capolupo, Comandante Interregionale dell’Italia Sud- Occidentale della Guardia di Finanza, nella giornata di giovedì si è recato in visita presso la Caserma “Stefano Cotugno”, sede del Comando Provinciale di Messina dove, accompagnato dal Comandante Provinciale Colonnello Decio Paparoni, ha salutato una numerorsa rappresentanza del personale presente, unitamente agli Ufficiali e Comandanti dei dipendenti Reparti della Provincia. E’ stato tenuto un briefing da parte del Comandante Provinciale su tematiche che interessano il Comando ed i Reparti della Provincia.

L’Alto Ufficiale Generale ha esortato il personale a svolgere sempre più con professionalità ed alto senso del dovere le proprie mansioni al fine di affermare il ruolo istituzionale del Corpo quale polizia economico finanziaria, a servizio della collettività.

Nell’occasione, il Gen. Saverio Capolupo, accompagnato dal Comandante Provinciale, ha incontrato presso il Palazzo di Giustizia il Procuratore Capo della Repubblica di Messina Dott. Guido Lo Forte.

Subito dopo, il Generale di Corpo d’Armata Saverio Capolupo si è intrattenuto presso l’ex Circolo Ufficiali della caserma “Stefano Cotugno” con S.E. il Prefetto di Messina dr. Francesco Alecci, con il Primo Presidente della Corte di Appello dr. Nicolò Fazio, con il Procuratore Generale della Repubblica dr. Antonio F. Cassata e con il Comandante Interregionale CC Culquaber, Generale di Corpo d’Armata Lucio Nobili, dai quali ha avuto ampio apprezzamento per la consolidata collaborazione fornita dalle Fiamme Gialle messinesi nel contrasto sinergico alla criminalità. Il Comandante Interregionale ha garantito la collaborazione del Corpo nel solco di una tradizione consolidata di professionalità ed efficienza.

 

Posted by on 6 maggio 2011. Filed under Magazine, News Locali, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento