Carabinieri sventano frode UE per 3milioni di euro

FRODI COMUNITARIE PER 3 MILIONI DI EURO NEGLI AIUTI AI PAESI IN VIA DI SVILUPPO: OPERAZIONE CONGIUNTA DEI NUCLEI ANTIFRODI CARABINIERI CON L’OLAF, L’UFFICIO EUROPEO PER LA LOTTA ALLE FRODI.

ROMA 18 Maggio 2011 – Nel quadro delle attività di cooperazione internazionale sviluppate con l’OLAF, l’Ufficio Europeo per la lotta alle Frodi, i NAC, i Nuclei Antifrodi Carabinieri del Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari hanno individuato i responsabili di una complessa e articolata frode all’Unione Europea nel sistema degli aiuti ai Paesi in via di sviluppo.

In particolare l’attività investigativa del NAC di Roma, che si è avvalsa anche della collaborazione dell’Agenzia delle Dogane (Servizio Centrale Antifrode di Roma e SVAD Servizio Vigilanza Antifrode Doganale di Asti) nonché dei NAS di Alessandria,  ha preso avvio dalle verifiche sulle attività svolte dal 2003 al 2007 da una Società di broker di Roma operante nelle gare internazionali dell’Unione Europea per l’approvvigionamento di apparati per l’impiantistica industriale, ospedaliera ed agricola destinati agli aiuti ai Paesi in via di sviluppo.

Nel corso delle indagini, coordinate dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Roma dottor FAVA – che hanno visto lo svolgimento anche di approfonditi accertamenti documentali e sequestri presso gli stabilimenti commerciali, nonché, non ultime, di perizie tecniche-scientifiche del RIS – sono state accertate, da un lato, l’attività di corruzione nei confronti di funzionari nigeriani della National Planning Commission preposti ai controlli, e, dall’altro, la condotta truffaldina dei due principali indagati, un imprenditore romano e un operatore commerciale d’origine venezuelana, che hanno contraffatto  i  documenti  d’origine   degli   articoli   medico-sanitari  destinati  agli aiuti per i Paesi in via di sviluppo sostituendo le scritte “made in China” e “made in Pakistan” con altre indicazioni attestanti la provenienza europea prevista dai bandi di gara.

Il danno per l’Unione Europea è stato stimato in circa 3 milioni di euro di finanziamenti indebitamente versati alla società.

La fornitura oggetto della truffa ha riguardato generatori elettrici e prodotti medicali (misuratori di pressione, dispositivi per analisi cliniche, bilance elettroniche, ect.) destinati alle strutture mediche e ospedaliere della Nigeria.

L’attività investigativa si è conclusa quindi con l’esecuzione di ordinanze di custodia domiciliare nei confronti dei due principali indagati e con la segnalazione alla Corte dei Conti per gli ulteriori accertamenti sul danno erariale.

Il rafforzamento della collaborazione dei Nuclei Antifrodi Carabinieri con l’OLAF costituisce uno degli obiettivi prioritari che il Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari da tempo ha inteso perseguire rafforzando le attività di cooperazione internazionale nell’azione di contrasto alle Frodi Comunitarie.

Uno specifico programma d’azione è stato infatti oggetto di un recente incontro tra il nuovo Direttore dell’OLAF, il magistrato italiano Giovanni Kessler, e il Comandante Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari, Colonnello Maurizio Delli Santi.

Nel solo 2010, grazie anche alla collaborazione con l’OLAF, i NAC hanno potuto intercettare oltre 17 milioni di euro di illeciti finanziamenti comunitari che altrimenti sarebbero stati destinati a soggetti economici disonesti che con false documentazioni su attività ed operazioni inesistenti hanno tentato di truffare l’Unione Europea, danneggiando peraltro gravemente gli altri operatori che nel comparto agroalimentare lavorano rispettando le regole.

 

Posted by on 18 maggio 2011. Filed under Magazine, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento