Serpente si rifugia dentro auto: interviene la polizia

ROMA. VEDE SALIRE UN SERPENTE SULLA RUOTA DELLA SUA AUTO E CHIAMA LA POLIZIA. FALSO CORALLO RECUPERATO DAGLI AGENTI DELLE VOLANTI ED AFFIDATO A VETERINARIO.

 

Inizialmente ha pensato che fosse un nastro colorato per confezionare un pacco regalo, ma quando si è avvicinata ha scoperto che quella fettuccia di circa un metro era animata.

E’ successo nel pomeriggio del 19 maggio, in Via Antonio Fogazzaro, nella zona di Monte Sacro Alto, dove una donna allarmata per la presenza di un serpente ha chiamato il 113.

Il rettile, di colore sgargiante, nero, arancione e bianco infastidito dalla presenza della proprietaria, che stava per ritirare la sua auto parcheggiata in strada, si è rifugiato all’interno del vano motore.

La donna, allarmata, ha immediatamente chiamato il 113, e dopo pochi minuti sono arrivati sul posto gli agenti del Reparto Volanti diretto dal dr. Eugenio Ferraro.

Con molta cautela i poliziotti hanno dapprima delimitato la zona di intervento per evitare che eventuali passanti potessero entrare in contatto con l’animale, e poi si sono messi all’opera.

Approfittando dell’istintiva insofferenza dei rettili per il fumo, uno degli agenti ha cercato di dirigere le esalazioni provocate dalla combustione di un foglio di carta, tenuto a debita distanza dall’autovettura, verso il vano passaruota.

Dopo alcuni minuti il serpente, infastidito dai fumi, è ridisceso dal vano motore avvinghiandosi alle curve dell’ammortizzatore fino a raggiungere l’asfalto.

A quel punto un altro agente, proteggendosi le mani con un paio di guanti, è riuscito a bloccare il rettile ed a sistemarlo all’interno di una scatola di cartone.

Il rettile è stato quindi consegnato al “Gruppo di Pronto Intervento Biodiversità” del Comune e  ricoverato presso il Centro Recupero Lipu di Villa Borghese.

Le prime valutazioni effettuate dal medico veterinario intervenuto sul posto hanno evidenziato che si tratta di un “falso corallo”, anche denominato serpente del latte, specie proveniente dall’America del Sud.

Sono in corso indagini da parte della Polizia per individuare la provenienza del serpente in quanto si tratta del secondo caso di rinvenimento nel giro di pochi giorni nell’area urbana della Capitale.

 

 

Posted by on 21 maggio 2011. Filed under Magazine, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento