2 Giugno 2011: tavolo tecnico per la sicurezza

ROMA 01 Giugno 2011 – Si è svolto nel pomeriggio di ieri il Tavolo tecnico presieduto dal Questore di Roma per la definizione dei dettagli della pianificazione delle misure di sicurezza  in vista delle celebrazioni del 2 giugno.

In particolare, alla presenza dei rappresentanti dell’Esercito, delle Forze dell’ordine, del Comune e degli atri soggetti chiamati a concorrere nella fase di gestione, sono stati ripercorsi i 3 piani predisposti per la gestione dell’evento.

In particolare, all’ordinanza preventiva e dispositiva del Questore, che disciplinano i servizi di ordine e sicurezza pubblica, si aggiunge il piano di emergenza.

L’area di massima sicurezza, individuata sui Fori Imperiali, in corrispondenza delle Tribune, si integra con l’area riservata, che si estende da Piazza Venezia a Piazza del Colosseo, e con l’area di rispetto, che si estende nell’area urbana circostante.

I varchi di accesso per il pubblico saranno predisposti in Piazza Venezia e Piazza del Colosseo, mentre tutte le zone interessate dai dispositivi di sicurezza sono state suddivise in 14 microaree, e saranno affidate a Dirigenti e Funzionari della Questura che, a partire dalla notte precedente, saranno impiegati nel coordinamento dei contingenti ai quali sarà affidata la gestione della sicurezza.

La pianificazione è stata attuata anche con il contributo dei Reparti Speciali della Polizia di Stato e dei Carabinieri, che saranno dislocati in punti strategici insieme ai tiratori scelti, individuati sulla base di attenti e ripetuti sopralluoghi.

Attraverso supporti virtuali sono stati ripercorsi tutti gli itinerari  riservati all’accesso delle Autorità e dei veicoli di servizio. Previsto il divieto di sorvolo sullo spazio aereo della Capitale dalle ore 6,00 fino alle ore 22,00 del 2 giugno.

Saranno oltre 80 le delegazioni di Stati esteri per le quali saranno predisposti mirati servizi di tutela per gli spostamenti e presso le sedi dove le stesse saranno alloggiate. Le bonifiche scatteranno nelle prossime ore, anche con l impiego di unità cinofile antisabotaggio e degli artificieri.

Al massimo livello l’attività info-ivestigativa per l’analisi di tutte le notizie di area, anche con riferimento agli spazi aeroportuali presso i quali è previsto l’arrivo delle Personalità. Personale in borghese sarà presente nelle diverse aree per assicurare un’ulteriore attività di monitoraggio.

La stazione della metropolitana Colosseo e Cavour resteranno chiuse dall’alba del 2 giugno fino al termine delle celebrazioni.

Dalle prime ore del 2 giugno sarà attivato il Centro per la Gestione della Sicurezza dell’Evento presso la Sala operativa della Questura, che monitorerà le dinamiche legate alla sicurezza dell’ evento, anche grazie agli occhi elettronici degli elicotteri del Reparto Volo della Polizia di Stato e delle telecamere cittadine. In sala saranno presenti anche rappresentanti di Reparti Scorte, dell’Esercito, oltre che delle Forze dell’ordine e degli enti erogatori dei servizi pubblici essenziali, pronti ad ogni tipo di intervento.

Nelle ultime ore personale delle Volanti ha rinvenuto alcuni manifesti affissi su alcuni muri perimetrali di edifici recanti la scritta “L’unica Repubblica è quella sociale”.

Nei giorni scorsi, nell’ambito di distinte operazioni, la Digos della Questura di Roma, diretta dal dr. Lamberto Giannini, aveva già sequestrato circa 2000 manifesti recanti la stessa dicitura, delle dimensioni di 1,50 x 1,00 mt..

Dai riscontri è emerso che gli stessi sono stati fatti realizzare nell’ambito degli ambienti riconducibili alla estrema destra, e verosimilmente, sarebbero stati affissi “a tappeto” nelle ore immediatamente antecedenti alla cerimonia.

La Digos ha identificato e segnalato due persone all’Autorità giudiziaria, mentre continua l’attività per risalire ad eventuali ed ulteriori soggetti coinvolti nella vicenda.

 

 

Posted by on 1 giugno 2011. Filed under Magazine, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento