Autostima combattività sorellanza: ecco i valori fondanti della formazione

SIRACUSA 11 Giugno 2011 – Si è brillantemente concluso il 17° corso di formazione per operatrici della Rete Centri antiviolenza, diretto dalla presidente Raffaella Mauceri e ben 7 specialiste della Rete. Articolato in 7 incontri di 4 ore ciascuno più un seminario di 2° livello per un totale di 32 ore di lavoro, il corso ha avuto ancora una volta carattere regionale nella misura in cui le corsiste provenivano non soltanto da svariati comuni della provincia siracusana ma anche dalle province di Agrigento e di Ragusa. Tutte le corsiste, laureate nelle più diverse facoltà, hanno dato prove finali di ottimo livello. Hanno acquisito conoscenze sulla storia, la genealogia e la salute psico-fisica delle donne; sul fenomeno della violenza di genere (radici storiche e sociologiche, tipologie, diffusione, modalità) con particolare attenzione ad alcune specifiche forme come lo stalking (maschile e femminile), la violenza sessuale, la tratta delle schiave, l’omofobia; sugli iter civili e penali in materia di diritti e tutela di donne e minori vittime di violenza; sui centri antiviolenza (caratteristiche, requisiti, livelli di qualità) la riparazione psicologica, l’intervento pedagogico e pedagogico clinico, le tecniche di prevenzione e di contrasto; sull’apertura e la gestione di una casa-rifugio; sul lavoro di rete, ed altro ancora. “Una lezione di vita che abbiamo tratto dalle varie lezioni – dicono le corsiste – è che non può esistere nessuna libertà se non si è liberi dalla paura. E noi donne, chi più chi meno, abbiamo tutte paura di subire aggressioni, una paura che spesso si traduce in violenza vissuta. Tutte le donne dovrebbero frequentare i corsi della Rete di Raffaella Mauceri, perchè trasmettono una cultura femminile che si fonda sui valori dell’autostima, la combattività e la sorellanza: un’esperienza assolutamente unica e meravigliosa”.

Posted by on 11 giugno 2011. Filed under News Locali, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento