Tutela dell’ambiente: sequestrata cava abusiva nel Parco dell’Etna

CATANIA 26 Giugno 2011 – L’esecuzione di una attività di verifica fiscale  nell’ambito della programmazione operativa ha permesso ai militari della compagnia della Guardia di Finanza di Riposto di accertare diverse violazioni in materia di tutela ambientale e paesaggistica,  nei confronti di una nota impresa che opera nel settore dell’estrazione di materiale basaltico per uso ornamentale.

L’attività che è stata eseguita con la collaborazione dei funzionari appartenenti al distretto minerario di Catania  e si è conclusa con il sequestro di una area di circa 15.000 mq. ricadente in una zona protetta del parco dell’Etna, nel territorio del comune di Milo.

L’area in questione era stata destinata dall’impresa per l’estrazione di materiale basaltico  senza la prescritta concessione e senza rispettare le prescrizioni imposte dal Distretto minerario . Ciò ha comportato l’alterazione delle bellezze naturali del Parco dell’Etna che insistono nella speciale area di protezione denominata “Zona C”.

L’estrazione abusiva è stata quantificata in circa 200.000 mc. di materiale lapideo.

Il titolare dell’impresa di estrazione è stato deferito all’Autorita Giudiziaria per le violazioni di cui all’art. 734 del Codice Penale  “Distruzione e deturpamento di bellezze naturali” nonché per le altre ipotesi di reato previste, nello specifico, dalla vigente normativa ambientale e paesaggistica.

L’attività delle Fiamme Gialle della Compagnia di Riposto si pone nell’alveo delle intraprendenze operative del Corpo tendenti alla tutela dell’ambiente, che deve necessariamente considerarsi  bene economico e patrimonio dell’umanità, oggetto di continue aggressioni, da parte di una criminalità sempre più agguerrita, che costituiscono, di fatto, una diminuito patrimoniale della collettività.


Posted by on 26 giugno 2011. Filed under News Locali, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento