Arrestati finti poliziotti: ecco a chi rivolgersi per eventuali segnalazioni

ROMA 29 Giugno 2011 – D’intesa con l’Autorità Giudiziaria, si diffonde il seguente comunicato stampa: “La notte tra il 20 ed il 21 giugno 2011, i Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia, unitamente a personale della Polizia Roma Capitale, hanno arrestato due giovani che a bordo di una Fiat Grande Punto di colore blu elettrico, utilizzando segni distintivi delle forze dell’ordine (lampeggiante, paletta e placca/distintivo), hanno – tra le altre cose – sottoposto a controlli alcuni automobilisti nel tratto stradale compresa tra Civitavecchia (autostrada A12) ed il Comune di Roma, sino alla zona di viale Marconi.

In particolare, gli stessi avrebbero sottoposto a controllo almeno il conducente di un camion lungo il tratto autostradale ed il conducente di una Ford Fiesta nella zona urbana della Capitale.

Non potendosi escludere che i malviventi abbiano sottoposto, anche in giorni diversi, a controllo altre autovetture o addirittura chiesto del denaro in cambio di una simulata magnanimità nel non elevare contravvenzioni, così come abbiano potuto usufruire di prestazioni sessuali da parte di meretrici, sempre simulando la qualità di pubblico ufficiale, di seguito si forniscono le descrizioni dei due soggetti, invitando tutti coloro che dovessero aver subito controlli dai personaggi in questione, a bordo della suddetta autovettura e con le modalità descritte, a prendere contatti con il Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Civitavecchia, all’utenza 0766/596960.

SOGGETTO 1: 28 anni, capelli corti di colore rossiccio, occhiali da vista, cadenza marcatamente romana, altezza circa 175 cm., corporatura normale, evidenti tic nervosi.

SOGGETTO 2: 49 anni, capelli leggermente lunghi di colore scuro, leggermente mossi, cadenza marcatamente romana, altezza circa 165 cm., corporatura esile.

 

Posted by on 29 giugno 2011. Filed under News. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento