Somalia: dall’Italia aiuti umanitari organizzati dalla Perigeo Onlus

Sono partiti dal porto di Ancona i primi due container di aiuti umanitari per la Somalia organizzati dall’Associazione Perigeo Onlus, con destino il porto di Bosaso nel Puntland somalo.

I container carichi di medicinali, apparecchiature sanitarie, cibo e beni di prima necessità saranno destinati a due strutture ospedaliere della Somalia, una nel Puntland Somalo, l’altra a Mogadiscio.

Il dr. Gianluca Frinchillucci, Direttore della Perigeo e delegato culturale e sanitario del Puntland per l’Italia e l’Europa spiega: “L’invio dei container è la nostra prima concreta risposta all’emergenza umanitaria in Somalia. Non potevamo non essere tra i primi dato il nostro importante impegno istituzionale nei confronti del Puntland e dell’intera Somalia” e aggiunge: “Sarà lo stesso Ministro della Sanità del Puntland, on. Ali Warsame, di cui siamo i rappresentanti in Italia ed Europa, che si prenderà carico del ricevimento dei due container. Uno rimarrà nel Puntland all’ospedale generale del Mudug di Galkayo, mentre l’atro sarà mandato a Mogadiscio grazie ai contatti con il Governo di Transizione Somalo.”

“Anche il Vescovo di Gibuti e Amministratore apostolico di Mogadiscio, Mons. Bertin, sostiene il progetto attraverso il suo appoggio e la collaborazione di Caritas Somalia” aggiunge Laura Bacalini, direttrice dei progetti della Perigeo e coordinatrice dell’emergenza umanitaria per il Corno D’Africa. “Il ponte di aiuti umanitari, coordinato dalla Perigeo, si sta costituendo come una vera e propria rete di enti che collaborano da tutta Italia: dalla Cgil Marche, al Comitato per la lotta contro la fame di Forlì, al Banco Farmaceutico di Milano, all’Università di Medicina di Chieti. Il nostro impegno continuerà anche nei prossimi mesi con altri container per la Somalia e per il Corno d’Africa.

 

Posted by on 25 agosto 2011. Filed under Magazine, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento