NATO Training Mission in Iraq: conclusi tre corsi a favore della polizia irachena.

BAGHDAD 29 Agosto 2011 – La fine del mese di agosto ha visto la conclusione di ben tre significative attività condotte dalla NATO Training Mission in Iraq (NTM-I) a favore delle Forze di Sicurezza irachene.

A Camp Dublin, nei pressi di Baghdad dove opera la componente Carabinieri della NTM-I, 100 poliziotti della Iraqi Federal Police hanno terminato con successo il primo corso di Tecniche di Controllo della Folla in cui gli istruttori iracheni hanno insegnato autonomamente con la supervisione dei Carabinieri, mentre altri 221 poliziotti della Oil Police (quest’ultimo Corpo di Polizia è entrato a far parte del programma di insegnamento dei Carabinieri della NTM-I dall’ottobre scorso) hanno ultimato il quinto corso basico di addestramento. Nel frattempo, a Taji (località a 30 chilometri a nord ovest di Baghdad dove la NTM-I è presente con un team mobile di istruttori), 35 Sottufficiali dell’Esercito iracheno hanno concluso il secondo corso per Istruttori di Unità.

Il Vice Comandante della NTM-I, il Generale di Divisione italiano Giovanni Armentani, si è dichiarato soddisfatto per i progressi fatti dalle Forze di Sicurezza irachene che si rivelano sempre più autosufficienti e danno prova di alta professionalità.

Analogamente, il Tenente Colonnello dei Carabinieri Michele Facciorusso, Comandante della Gendarmerie Training Division della NTM-I, ha affermato: “Sono davvero colpito dai risultati conseguiti dai frequentatori iracheni in questi corsi che curiamo ormai da quattro anni. Credo che [gli Iracheni] siano sulla giusta strada per divenire una forza di Polizia completamente indipendente sotto il profilo formativo e procedurale. E’ proprio questo, in particolare, lo spirito del primo corso di Tecniche di Controllo della Folla appena concluso, dove tutti gli istruttori erano iracheni”.

Il Tenente Colonnello Olexander Osmirko, capo del team mobile della NTM-I, ha così commentato il corso in Taji: “Questo corso rappresenta un momento molto importante perché, per la prima volta, abbiamo avuto istruttori iracheni che hanno condotto le lezioni e le attività previste, mentre i nostri istruttori [NATO] hanno avuto solo funzioni di mentoring e consulenza”. Le materie del corso erano prevalentemente incentrate sulla metodologia didattica e tecniche di insegnamento.

 

( www.difesa.it )

Posted by on 29 agosto 2011. Filed under Copertina, Esteri. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento