Libia. A Tripoli raggiunta una tregua tra le parti.

“L’accordo di oggi è un passo importante e benvenuto. Incoraggiamo tutte le parti a implementarlo pienamente e continuiamo a lavorare sotto la leadership di Ghassan Salame per la sicurezza di Tripoli e della sua gente”.

Con queste parole l’ambasciatore d’Italia in Libia, dr. Giuseppe Perrone, ha espresso soddisfazione per la tregua raggiunta nella tarda serata di martedì 4 settembre nella città libica di Zawiya, a conclusione dell’incontro sotto l’egida delle Nazioni Unite.

“Durante una chiamata al Presidente Serraj, il Ministro degli Esteri italiano Moavero ha confermato il supporto e la solidarietà dell’Italia al popolo libico ed alle sue istituzioni in questo difficile momento – twitta l’ambasciatore Perrone – e si impegna a promuovere un’azione decisiva presso la comunità internazionale che porti alla rappacificazione ed alla ripresa del processo di potenziamento della stabilità e della sicurezza della Libia”.

Ha avuto successo l’incontro per affrontare la situazione della sicurezza a Tripoli sotto l’egida ONU che si è tenuto nella città di Zawiya, città costiera a 45 chilometri dalla capitale della Tripolitania, dove nella giornata di martedì è stato stipulato un accordo di cessate il fuoco per mettere fine alla guerriglia che da circa una settimana ha insanguinato la città causando più di 60 morti ed oltre 150 feriti.

 

La Missione di supporto delle Nazioni Unite in Libia (UNSMIL) ha ringraziato i partiti libici che hanno accettato l’invito alla Missione per il dialogo, congratulandosi con loro per aver raggiunto un accordo di cessate il fuoco per porre fine ai combattimenti che affliggono Tripoli dal 26 agosto. L’accordo è stato firmato sotto gli auspici del Rappresentante speciale del Segretario generale in Libia Dr. Ghassan Salame.
L’accordo – firmato dai rappresentanti del governo di Accordo Nazionale, comandanti militari, apparati di sicurezza e gruppi armati presenti all’interno e attorno alla Capitale – comprende l’immediata cessazione delle ostilità e un meccanismo per monitorare le infrazioni.

Al momento della firma dell’accordo, le parti si sono impegnate a cessare tutte le ostilità; fermare qualsiasi ulteriore movimento ostile che ostacolerebbe l’attuazione del cessate il fuoco; assicurare che i civili non siano messi a rischio e che i diritti umani siano rispettati come previsto dalle leggi nazionali e internazionali; proteggere tutte le proprietà private e pubbliche; assicurare la riapertura dell’aeroporto Mitiga e di tutte le strade dentro e fuori la capitale; astenersi dall’adottare qualsiasi azione che possa portare a scontri armati inclusi tutti i movimenti di forze, il rifornimento di munizioni o qualsiasi altra azione che potrebbe essere vista come generatrice di tensioni; assicurarsi che tutti i gruppi sotto il loro comando osservino l’accordo sottoscritto.

“La Missione si rivolgerà ad altre parti che hanno manifestato interesse ad aderire al cessate il fuoco ma non sono state in grado di partecipare e si impegna a continuare le agevolazioni per rafforzare il cessate il fuoco e discutere le opportune misure di sicurezza nella Capitale – spiega un comunicato UNSMIL – ed il Rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite, Ghassan Salame, continuerà a offrire buoni uffici e collaborerà con tutte le parti per raggiungere un accordo politico duraturo accettabile per tutti per evitare ulteriori perdite di vite e per il bene del popolo libico”.

 

A seguito dell’accordo di Zawiya, i governi di Francia, Italia, Regno Unito e Stati Uniti hanno rilasciato una dichiarazione congiunta sugli sforzi per far cessare la violenza a Tripoli.

“I governi di Francia, Italia, Regno Unito e Stati Uniti accolgono con favore il risultato della mediazione raggiunta oggi a Tripoli dalla Missione di sostegno delle Nazioni Unite che mira a ridurre la violenza a Tripoli e nei dintorni e assicurare la protezione dei civili” – si legge nella dichiarazione del gruppo 3+1.

“Ribadiamo il nostro forte sostegno al Rappresentante speciale del Segretario generale Ghassan Salame mentre lavora per realizzare una cessazione immediata e duratura delle ostilità nella capitale libica, che rappresenta un passo fondamentale per far progredire il processo politico in conformità con il piano d’azione delle Nazioni Unite” – continua la dichiarazione – e “come il Segretario Generale ha notato il 2 settembre, tutte le parti dovrebbero cessare immediatamente le ostilità e rispettare l’accordo di cessate il fuoco mediato dalle Nazioni Unite”.

Nella dichiarazione, i governi di Francia, Italia, Regno Unito e Stati Uniti chiedono a tutte le parti libiche di astenersi da qualsiasi azione che possa minare l’odierna campagna di cessate il fuoco, mettere a repentaglio la sicurezza dei civili, o frenare gli sforzi della Libia per far progredire il processo politico e andare avanti con spirito di compromesso, ribadendo il sostegno al Presidente del Consiglio di Presidenza, Fayez al-Sarraj, e al Governo di Accordo Nazionale, che lavorano in collaborazione con le Nazioni Unite per promuovere la riconciliazione e sostenere un processo politico guidato dalla Libia.

 

Il Ministro degli Affari Esteri Moavero Milanesi, in una nota, considera molto positive le prime notizie arrivate da Tripoli sul raggiungimento di un accordo per il cessate il fuoco nella Capitale della Libia. L’intesa è scaturita dalla riunione convocata sotto gli auspici del Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite Ghassan Salamé, con il quale il Ministro ha parlato più volte e si è congratulato per gli sforzi profusi e la determinazione mostrata: “Si tratta di un accordo importante e significativo che prevede anche diverse altre misure tese a riportare maggiore sicurezza nella capitale, ivi inclusa la strategica riapertura del suo aeroporto civile di Mitiga”.

Il fermo auspicio e l’impegno dell’azione diplomatica del Ministro e della Farnesina, nei confronti di tutte le parti in causa, è che a questo primo annuncio faccia immediatamente seguito un’effettiva cessazione definitiva delle ostilità e l’efficace applicazione dell’intesa raggiunta, soprattutto per porre fine alle sofferenze della popolazione civile. L’obiettivo concreto del governo italiano resta di aiutare quanto più possibile a ristabilire una situazione che consenta alla Libia di proseguire in una positiva evoluzione politica, sotto l’impulso delle Nazioni Unite.

 

Tuttavia, nelle ore subito successive all’accordo, si riscontrano ancora combattimenti in corso nella periferia sud di Tripoli di Khalat al-Furjan, Wadi Rabea e Airport Road.

Ma di sicuro le forze basate a Tripoli hanno ora arginato l’avanzata delle forze di Tarhuna (settima brigata, n.d.r.) che stavano minacciando di occupare Tripoli 48-72 ore fa.

Sempre nella giornata del 4 settembre, il Consiglio di Presidenza di Faiez Serraj e il Governo di Accordo Nazionale hanno formato un Comitato di Emergenza e Crisi composto da 13 membri eguidato dallo stesso Serraj, che provvederà a seguire le operazioni e mettere in atto le necessarie misure di sicurezza.

Questo Comitato si riunirà in sessione permanente fino a quando la stabilità non sarà restituita a Tripoli.

Serraj ha anche approvato un altro decreto, nel suo ruolo di comandante supremo dell’Esercito della Libia (con base a Tripoli), creando una Sala operativa congiunta di 9 membri incaricata di “proposte per dissuadere gli attacchi su Tripoli”.

Il Ministero dell’Interno di Tripoli, allineato a Faiez Serraj, ha assicurato ai cittadini che “le condizioni di sicurezza nella capitale sono in costante miglioramento dopo l’attivazione dei controlli di sicurezza e delle posizioni di sicurezza.

Si lavora anche per affidare l’incarico a un certo numero di agenzie di sicurezza fino a quando tali accordi non saranno eseguiti, mentre ai cittadini è stato chiesto di allontanarsi dalle zone di scontro e ridurre il loro movimento all’interno di queste aree dove non ci sono presenti agenti di sicurezza.

 

E di Libia si è parlato nella giornata di martedì 4 settembre anche a Palazzo Chigi nel corso di una riunione su immigrazione e Libia.

“Il governo è soddisfatto per i risultati fin qui ottenuti (nel campo dell’immigrazione n.d.r.) e l’Italia si sta anche battendo affinché siano resi più efficaci gli accordi bilaterali per il rimpatrio nei Paesi di origine di coloro che non hanno diritto d’asilo – si legge nel comunicato stampa del Governo Italiano – sono stati inoltre definiti alcuni dettagli sulla Conferenza sulla Libia che si terrà in Italia nel mese di novembre. Il governo resta estremamente concentrato nel seguire gli sviluppi in atto in Libia con l’auspicio di un superamento delle attuali tensioni”.

Nella Conferenza sulla Libia, che l’Italia intende ospitare in autunno, il tema prioritario sarà la sicurezza, pre-condizione per lo svolgimento delle elezioni, obiettivo cardine del piano delle Nazioni Unite. Saranno, inoltre, affrontati i temi della riconciliazione e del rispetto dei diritti umani.

Nel frattempo, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM) ha riferito che “a causa degli scontri tra gruppi armati nel sud di Tripoli dal 27 agosto almeno 1.834 famiglie (circa 9.221 persone) sono state spostate a Bani Walid, Tarhuna e altre zone di Tripoli, di cui 663 famiglie sfollate nelle ultime 24 ore. Le famiglie sfollate provengono principalmente da quartieri colpiti dal conflitto nel sud di Tripoli, tra cui Ain Zara, Salah Eddin, Qasr Ben Gashir, Ben Aoun e Khallat Al Furjan “.

Mentre va in stampa questo pezzo l’aeroporto di Mitiga rimane ancora chiuso.

 

 

Photo: UNSMIL Courtesy


Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Posted by on 5 Settembre 2018. Filed under Copertina, Libia. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.