Immigrazione: Spagna principale destinazione, diminuiscono gli arrivi in Italia

IOM, l’Agenzia delle Nazioni Unite per la migrazione, in data 9 Ottobre, ha riferito che 86.436 migranti e rifugiati sono entrati in Europa via mare tra il 2018 e il 7 ottobre, dei quali 39.445 in Spagna, la principale destinazione di quest’anno. Infatti, da quando sono stati segnalati gli arrivi di fine settembre, la Spagna nel 2018 ha ora ricevuto attraverso il Mediterraneo immigrati più irregolari di quanto abbia fatto in tutti gli anni 2015, 2016 e 2017 messi insieme.

Gli arrivi totali della regione attraverso il recente fine settimana si confrontano con 140.272 arrivi attraverso la regione nello stesso periodo dell’anno scorso e 318.207 a questo punto nel 2016.

La Spagna, con il 46% di tutti gli arrivi durante l’anno, continua a ricevere migranti via mare in ottobre con un volume quasi il doppio di quello della Grecia e oltre sette volte quello dell’Italia.

Gli arrivi in ​​Italia fino a fine settembre sono i più bassi registrati a questo punto – la fine di una stagione di vela estiva normalmente impegnata – in quasi cinque anni. L’anno scorso a ottobre i migranti sono passati dal Nord Africa all’Italia a un ritmo di quasi 1.500 a settimana – o circa cinque volte il tasso di quest’anno. Due anni fa, i numeri erano ancora più alti: quasi 4.000 a settimana. Nel 2016, da giugno a ottobre, il numero medio di salvataggi tra gli arrivi marittimi di migranti verso l’Italia ogni mese ha superato il numero che è arrivato in tutto il 2018.

Flavio Di Giacomo, IOM di Roma, ha riferito che i 21.313 arrivi italiani di migranti irregolari via mare quest’anno includono molti che arrivano da punti di partenza diversi dalla Libia. Ha osservato che, secondo i dati raccolti dallo staff dell’OIM ai punti di sbarco, quasi 150 migranti dalla Tunisia sono arrivati ​​via mare a Lampedusa tra venerdì e domenica e hanno spiegato che attualmente quasi tutti i flussi che arrivano in Italia dai primi di settembre provengono dalla rotta tunisina.

“Gli arrivi tunisini finora quest’anno sono 4.742 e rappresentano il primo posto tra tutte le nazionalità”, ha detto Di Giacomo. Ha detto l’anno scorso e nel 2016 sono stati segnalati numeri simili di arrivi dalla Tunisia, ma difficilmente sarebbero entrati nella lista delle prime dieci nazionalità in Italia, travolti da quelli dell’Eritrea, della Nigeria e di molti migranti sub-sahariani arrivati ​​via Libia.

“Il numero totale di migranti tunisini che arrivano l’anno scorso alla fine di settembre è stato di 2.650”, continua Di Giacomo, “mentre 3.500 tunisini sono arrivati ​​dal 1 ° ottobre al 31 dicembre. Ciò ha portato il numero totale di arrivi nel 2017 a 6.150 “.

Di Giacomo ha osservato che le morti in mare continuano a verificarsi più frequentemente nel Mediterraneo nelle acque che collegano il Nord Africa e la Sicilia, con 1.267 registrati fino al 7 ottobre.

 

 

Courtesy IOM

Posted by on 10 Ottobre 2018. Filed under Copertina, Migranti. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.