Libia. Unione Europea a sostegno del popolo libico

La delegazione dell’Unione europea ha rilasciato, nella giornata di giovedì 13 settembre, la seguente dichiarazione in accordo con i capimissione dell’UE in Libia.

 

“La delegazione dell’UE e i capimissione dell’UE in Libia sostengono il popolo e il governo libici in un momento di ingiustificata perdita di vite umane e sofferenze generalizzate.
L’UE e gli Stati membri sostengono pienamente gli sforzi di mediazione di UNSMIL e SRSG Salamé per raggiungere la stabilità a Tripoli e accolgono favorevolmente il cessate il fuoco avviato il 4 settembre a Zawiya e il successivo accordo di consolidamento del 9 settembre. Chiediamo a tutte le parti di aderire e rispettare questo accordo e di lavorare in buona fede verso il consolidamento. Qualsiasi violazione del cessate il fuoco, come gli attacchi missilistici contro l’aeroporto di Maitiga, nonché dichiarazioni incendiarie che potrebbero portare a più violenza, sono inaccettabili. Inoltre, gli attacchi contro i civili e le infrastrutture civili costituiscono violazioni del diritto internazionale.
L’UE, in coordinamento con le Nazioni Unite e altri partner, è pronta a prendere in considerazione le opzioni per ritenere responsabili chiunque ostacola l’attuazione dei recenti accordi o minaccia il libero funzionamento delle istituzioni sovrane che operano a vantaggio di tutti i libici. Allo stesso tempo, siamo pronti ad aiutare tutti i libici che vogliono costruire istituzioni statali solide, unificate e responsabili.
Ora è il momento di un vero cambiamento: porre fine alla predazione delle risorse libiche e un clima di paura e infine garantire al popolo libico i servizi di base e le libertà individuali a cui aspirano. L’attacco terroristico del 10 settembre contro il quartier generale della National Oil Corporation, un’istituzione vitale per il popolo libico, ha ulteriormente evidenziato l’urgenza per tutti i partiti libici di riunirsi e superare questa spirale di violenza e privazione quotidiana.
L’UE e i suoi Stati membri rimarranno partner instancabili nella costruzione della stabilità della Libia attraverso istituzioni democraticamente elette, organismi di sicurezza responsabili, un sistema giudiziario indipendente, lo Stato di diritto e una gestione trasparente della ricchezza nazionale. Riaffermiamo il nostro forte e continuo sostegno al piano d’azione delle Nazioni Unite per far progredire il processo politico. Continueremo inoltre a sostenere il popolo libico, in particolare i più vulnerabili, attraverso aiuti umanitari e progetti di sviluppo in tutta la Libia in collaborazione con le autorità libiche, le agenzie delle Nazioni Unite e la società civile”.

Posted by on 14 Settembre 2018. Filed under Libia, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.